vthumb
18
set
Investita mentre attraversa la strada parlando al cellulare: per il giudice è responsabile all’80% dell’incidente
La sentenza del Tribunale di Trieste riguarda un incidente che si è verificato nel 2010. Attraversando la strada mentre era al telefono, la vittima avrebbe agito «in disprezzo delle regole sulla circolazione stradale e di normale prudenza»​

Attraversare la strada con gli occhi o le orecchie incollati allo smartphone può costare caro: in caso di incidente, il pedone può essere ritenuto responsabile (in parte) del suo stesso investimento. Lo ha stabilito il Tribunale di Trieste con una sentenza (la 380/2019) che non rappresenta un caso del tutto isolato: da tempo la giurisprudenza ha stabilito che il pedone non ha sempre ragione, perché può — per distrazione o imprudenza — concorrere nel causare un incidente. Del resto, i cittadini che si aggirano per le città prestando più attenzione allo smartphone che alle regole (e al buon senso) sono un problema noto da tempo: alcuni Stati, come lo Utah e l’Australia, hanno introdotto delle multe proprio nel tentativo di arginare il fenomeno.

L’articolo 2054 del codice civile stabilisce che, in caso di incidente, «il conducente di un veicolo (...) è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno». Di norma, quindi, quando viene investito un pedone la responsabilità è del conducente dell’auto, come ha ribadito anche la Cassazione a fine giugno. Ma, come riferisce il quotidiano giuridico StudioCataldi, il Tribunale di Trieste ha stabilito che se il comportamento del pedone è stato «fattore causale esclusivo dell’evento dannoso», la responsabilità può essere condivisa. Purché, beninteso, il guidatore dimostri che non era possibile evitare l’impatto con una manovra d’emergenza, come già stabilito dalla Cassazione nel 2017, secondo cui «in caso di investimento di pedone» la responsabilità del conducente è «esclusa» se non c’era «alcuna possibilità di prevenire l’evento, situazione ricorrente allorché il pedone abbia tenuto una condotta imprevedibile ed anormale».

Nel caso esaminato a giugno dal Tribunale di Trieste, chiamato a giudicare in appello dopo una sentenza di primo grado del Giudice di Pace, il «comportamento imprevedibile e anormale» sarebbe legato proprio all’uso del telefonino. I fatti risalgono al febbraio del 2010. L’incidente si è verificato nei pressi di una fermata dell’autobus e ad essere investita è stata una donna che stava proprio per salire sul mezzo pubblico. Nella sentenza si legge che la vittima dell’incidente «aveva attraversato la strada parlando al cellulare e senza preventivamente guardare se stessero sopraggiungendo altri veicoli». Di conseguenza, secondo il giudice «risulta incontrovertibile la connotazione colposa della condotta della pedone», che avrebbe agito «in disprezzo delle regole sulla circolazione stradale e di normale prudenza». La colpa dell’incidente, quindi, è da attribuire all’80% alla ragazza che è stata investita e al 20% al guidatore. Chi era alla guida dell’auto non viene completamente discolpato dal Tribunale perché avrebbe dovuto prevedere il comportamento della donna, dal momento che l’aveva vista correre sul marciapiede per avvicinarsi all’autobus. di Chiara Severgnini - corriere.it/tecnologia

pronto

cerca

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

(ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE n. 679/2016)

In questa pagina si descrivono le modalità e le logiche del trattamento dei dati personali degli utenti (di seguito, anche gli “Utenti”) che consultano il sito  http://www.prontoagente.it/ (di seguito, anche il “Sito”) in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Il Sito di proprietà di GRUPPO AGENTI A.G.IT. -AGENTI GROUPAMA ITALIA-, fin dalla sua progettazione, intende garantire il rispetto dei principi sanciti dal Regolamento UE n. 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con particolare riguardo al trattamento dei dati personali nonché alla libera circolazione dei medesimi. 

La presente informativa è resa solo per il sito http://www.prontoagente.it/ e non anche per gli altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

Identità e dati di contatto del Titolare del trattamento

Il Titolare del trattamento dei dati personali relativi agli utenti è GRUPPO AGENTI A.G.IT. -AGENTI GROUPAMA ITALIA, con sede legale in VIA BEETHOVEN, 63 ROMA (RM), e-mail: info@gruppoagit.com. PEC info@pecgruppoagit.com.

Finalita’ del trattamento e base giuridica

I dati personali saranno trattati in relazione ai servizi offerti dal Titolare attraverso il proprio sito, esclusivamente al fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta o per gli adempimenti previsti da norme di legge o di regolamento. Nell'ambito di tali finalità il trattamento riguarda anche i dati relativi alle iscrizioni/registrazioni al sito web necessari per la gestione dei rapporti con il Titolare, nonché per consentire un’efficace comunicazione e per adempiere ad eventuali obblighi di legge, regolamentari o contrattuali.

Luogo e modalità del trattamento

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la sede del Titolare e sono curati solo da personale tecnico autorizzato del trattamento.

Specifiche misure tecniche e organizzative di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. I dati possono essere trattati esclusivamente da personale autorizzato  al trattamento, secondo i principi di correttezza, liceità, trasparenza, pertinenza e non eccedenza alle finalità di raccolta e di successivo trattamento.

Non è previsto l’uso di trattamenti automatizzati o processi decisionali automatizzati o volti a profilare il fruitore del Sito.

Eventuali destinatari e le eventuali categorie di destinatari dei dati personali

I dati personali possono essere comunicati per le finalità sopra specificate a soggetti che svolgono attività necessarie per l’erogazione dei servizi offerti dal Sito (a titolo esemplificativo, l’analisi del funzionamento del Sito medesimo) che tratteranno i dati in qualità di responsabili (art. 28 del Regolamento) e/o in qualità di autorizzati che agiscono sotto l’autorità del Titolare e del Responsabile (art. 29 del Regolamento) ovvero quali soggetti espressamente designati al trattamento dei dati nei termini previsti dal GDPR e dalla normativa nazionale di adeguamento alle disposizioni del GDPR come, per esempio, fornitori di servizi informatici e/o di archiviazione o di altri servizi di natura tecnico/organizzativa) oppure dipendenti e collaboratori cui si avvale il Titolare del trattamento. Le informazioni dell’utente potranno, inoltre, essere comunicate a terzi al fine di adempiere gli obblighi previsti dalla legge, dalla normativa europea o nazionale vigente e consentire la difesa in giudizio del Titolare del trattamento (per esempio nel caso di violazioni da parte di utenti della rete). 

I dati personali conferiti non saranno soggetti a diffusione.

Periodo di conservazione

I dati verranno conservati per un periodo di tempo non superiore al conseguimento delle finalità sopra indicate (“principio di limitazione della conservazione”, art.  5 del Regolamento UE n. 2016/679) o in base alle scadenze previste dalle norme di legge.

Trasferimento dei dati all’estero

I dati non vengono trasferiti a un paese terzo al di fuori della Unione Europea o ad Organizzazioni Internazionali.

Diritti dell'interessato

Ai sensi degli artt. 15 e ss. del Regolamento, l’interessato ha il diritto di chiedere al Titolare del trattamento:

-      l’accesso ai propri dati personali;

-      la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano;

-      l’opposizione al trattamento;

-      la portabilità dei dati nei termini di cui all’art. 20 cit.;

-      qualora il trattamento sia basato sull'articolo 6, paragrafo 1, lettera a), oppure sull'articolo 9, paragrafo 2, lettera a), cit. la revoca del consenso  in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca.

Fatto salvo ogni altro ricorso amministrativo o giurisdizionale, l'interessato che ritenga che il trattamento che lo riguarda violi il GDPR ha il diritto di proporre reclamo a un’autorità di controllo, segnatamente nello Stato membro in cui risiede abitualmente, lavora oppure del luogo ove si è verificata la presunta violazione ai sensi dell’art. 77 cit. (l’autorità di controllo italiana è il Garante per la protezione dei dati personali).

Per esercitare i diritti di cui sopra l’interessato potrà rivolgersi al Titolare del trattamento dei dati personali  ai recapiti sopra indicati.

Aggiornamenti

La privacy policy di questo sito web è soggetta ad aggiornamenti; gli utenti sono pertanto invitati a verificarne periodicamente il contenuto

 

Please publish modules in offcanvas position.