vthumb
18
set
Assicurazione per parrucchieri: 5 consigli per un salone sicuro
Perché è fondamentale assicurarsi? Quali sono le principali tutele da avere in tema assicurativo?
Ecco i 5 punti da non dimenticare...

La sicurezza di un salone da parrucchieri passa attraverso un’assicurazione adeguata, in grado di proteggere il titolare dai rischi che possono bloccare la propria attività e tutelarlo in caso di danni a terzi o di controversie. Ma quali sono le polizze più importanti che un'impresa salone dovrebbe stipulare? Quali le coperture a misura dell’attività? Esistono assicurazioni in caso di danni ai capi d’abbigliamento dei clienti o a tutela dell'immagine del brand?

Parrucchieri: perché assicurarsi?

Perché proteggere la propria attività significa lavorare meglio e in serenità tutelandosi dai tanti rischi che la professione comporta. Il mercato è ampio e ci sono molte soluzioni, il problema vero è capire quali coperture fare.

Sono numerosi i rischi a cui è esposta la categoria dei parrucchieri ed emerge un buon livello di consapevolezza sul tema. Il rischio percepito è infatti piuttosto elevato poiché si lavora direttamente sulla persona, con la quale si instaura un rapporto ravvicinato e diretto: creare un danno alla cliente o a un suo capo di abbigliamento necessita di un risarcimento, altrimenti si rischia di ledere un rapporto spesso fidelizzato. Il bisogno di assicurarsi è legato alla necessità di delegare i tanti rischi tipici di chi lavora in questo comparto, per essere liberi di focalizzarsi sul proprio lavoro..

Contro che cosa il parrucchiere dovrebbe stilare un’assicurazione?

La prima cosa che consigliamo è legata alla necessità di tutelare la proprietà, assicurare cioè salone, attrezzature, arredi e prodotti da incendi, allagamenti, fenomeni elettrici, atti vandalici, eventi atmosferici... Altrettanto importante è l'assicurazione della responsabilità civile, ovvero tutte quelle polizze che garantiscono il risarcimento dei danni involontariamente cagionati ai clienti durante l'esecuzione dei lavori. Potrebbe trattarsi infatti di un piccolo danno e quindi essere facilmente risolvibile dal titolare o, al contrario, di un sinistro particolarmente oneroso e a quel punto essere sgravati da ogni tipo di contenzioso si rivela determinante.

I veri e propri rischi segnalati dagli operatori del settore sono: danni biologici ai clienti, come scottature o escoriazioni; reazioni allergiche a sostanze chimiche; danni ai capi d’abbigliamento dei clienti; ustioni, scottature o tagli dei collaboratori, fino ai danni agli arredi e alle apparecchiature più costose avvenuti per cause accidentali o provocati involontariamente dai frequentatori del salone..

Danni alla cliente: coprono anche la contestazione del lavoro?

I danni di natura contrattuale, come il colore o il taglio che non piace, non sono contemplati nei danni assicurativi. Il titolare può sempre decidere di non far pagare il cliente insoddisfatto o di riparare in altro modo, ma dall'assicurazione non è previsto alcun risarcimento. Per quanto riguarda invece i danni di natura extra contrattuale - come l'usare un prodotto sbagliato bruciando il cuoio capelluto, causare la rottura di un arto della cliente perché si rompe la poltrona, rovinare i vestiti perché scappa la ciotola del colore - sono danni che rientrano nella polizza di responsabilità civile.

Nel caso in cui la nuance di una tinta non piaccia, chiaramente no! Ma esiste ad esempio una tutela se si reca accidentalmente un danno durante lo svolgimento del trattamento. Nello specifico, si può offrire ai clienti un rimborso delle spese mediche per coprire gravi reazioni allergiche o altre problematiche conseguenti all’applicazione ad esempio di colorazioni o decoloranti. Ugualmente si può assicurare un risarcimento anche per danni recati ai capi di abbigliamento.

Infortunio sul lavoro: cosa si intende? Ci sono parrucchieri che assicurano le mani?

Per gli infortuni ai dipendenti c'è obbligatorietà dell'assicurazione Inail, ma dal punto di vista autonomo il titolare si può tutelare anche privatamente con la responsabilità civile addetti. Il titolare stesso può fare polizza sulla vita o sull'invalidità permanente dando supervalutazioni a parti particolari del corpo, come le mani e le braccia (che possono essere valutati al 100%). Più si assicura come massimale, più il rimborso sarà alto.

Purtroppo, quando si lavora con piastre o forbici gli infortuni sul lavoro sono molto frequenti. Per questo è importante che il titolare si assicuri anche per il caso in cui i collaboratori e dipendenti possano riportare gravi scottature o tagli.

Ci sono soluzioni assicurative che tutelano l’immagine del salone?

Si tratta di un campo abbastanza nuovo.
È possibile assicurare il sistema informatico, il furto dei dati e in qualche modo anche la lesione della reputazione, se ad esempio avviene perché qualcuno entra sul sito del salone ed immette dati falsi. Se invece faccio parte di un blog e parlano male di me, diventa più difficile tutelarsi. Anche qui però dipende dalla frequenza e gravità: grazie alla tutela legale è possibile fare denuncia alle forze dell'ordine, ed utilizzare la copertura assicurativa per intraprendere eventuali azioni legali.
Oggi la reputazione di un’attività imprenditoriale si misura sempre più anche attraverso il passaparola e le recensioni online”,

pronto

cerca

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

(ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE n. 679/2016)

In questa pagina si descrivono le modalità e le logiche del trattamento dei dati personali degli utenti (di seguito, anche gli “Utenti”) che consultano il sito  http://www.prontoagente.it/ (di seguito, anche il “Sito”) in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Il Sito di proprietà di GRUPPO AGENTI A.G.IT. -AGENTI GROUPAMA ITALIA-, fin dalla sua progettazione, intende garantire il rispetto dei principi sanciti dal Regolamento UE n. 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con particolare riguardo al trattamento dei dati personali nonché alla libera circolazione dei medesimi. 

La presente informativa è resa solo per il sito http://www.prontoagente.it/ e non anche per gli altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

Identità e dati di contatto del Titolare del trattamento

Il Titolare del trattamento dei dati personali relativi agli utenti è GRUPPO AGENTI A.G.IT. -AGENTI GROUPAMA ITALIA, con sede legale in VIA BEETHOVEN, 63 ROMA (RM), e-mail: info@gruppoagit.com. PEC info@pecgruppoagit.com.

Finalita’ del trattamento e base giuridica

I dati personali saranno trattati in relazione ai servizi offerti dal Titolare attraverso il proprio sito, esclusivamente al fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta o per gli adempimenti previsti da norme di legge o di regolamento. Nell'ambito di tali finalità il trattamento riguarda anche i dati relativi alle iscrizioni/registrazioni al sito web necessari per la gestione dei rapporti con il Titolare, nonché per consentire un’efficace comunicazione e per adempiere ad eventuali obblighi di legge, regolamentari o contrattuali.

Luogo e modalità del trattamento

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la sede del Titolare e sono curati solo da personale tecnico autorizzato del trattamento.

Specifiche misure tecniche e organizzative di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. I dati possono essere trattati esclusivamente da personale autorizzato  al trattamento, secondo i principi di correttezza, liceità, trasparenza, pertinenza e non eccedenza alle finalità di raccolta e di successivo trattamento.

Non è previsto l’uso di trattamenti automatizzati o processi decisionali automatizzati o volti a profilare il fruitore del Sito.

Eventuali destinatari e le eventuali categorie di destinatari dei dati personali

I dati personali possono essere comunicati per le finalità sopra specificate a soggetti che svolgono attività necessarie per l’erogazione dei servizi offerti dal Sito (a titolo esemplificativo, l’analisi del funzionamento del Sito medesimo) che tratteranno i dati in qualità di responsabili (art. 28 del Regolamento) e/o in qualità di autorizzati che agiscono sotto l’autorità del Titolare e del Responsabile (art. 29 del Regolamento) ovvero quali soggetti espressamente designati al trattamento dei dati nei termini previsti dal GDPR e dalla normativa nazionale di adeguamento alle disposizioni del GDPR come, per esempio, fornitori di servizi informatici e/o di archiviazione o di altri servizi di natura tecnico/organizzativa) oppure dipendenti e collaboratori cui si avvale il Titolare del trattamento. Le informazioni dell’utente potranno, inoltre, essere comunicate a terzi al fine di adempiere gli obblighi previsti dalla legge, dalla normativa europea o nazionale vigente e consentire la difesa in giudizio del Titolare del trattamento (per esempio nel caso di violazioni da parte di utenti della rete). 

I dati personali conferiti non saranno soggetti a diffusione.

Periodo di conservazione

I dati verranno conservati per un periodo di tempo non superiore al conseguimento delle finalità sopra indicate (“principio di limitazione della conservazione”, art.  5 del Regolamento UE n. 2016/679) o in base alle scadenze previste dalle norme di legge.

Trasferimento dei dati all’estero

I dati non vengono trasferiti a un paese terzo al di fuori della Unione Europea o ad Organizzazioni Internazionali.

Diritti dell'interessato

Ai sensi degli artt. 15 e ss. del Regolamento, l’interessato ha il diritto di chiedere al Titolare del trattamento:

-      l’accesso ai propri dati personali;

-      la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano;

-      l’opposizione al trattamento;

-      la portabilità dei dati nei termini di cui all’art. 20 cit.;

-      qualora il trattamento sia basato sull'articolo 6, paragrafo 1, lettera a), oppure sull'articolo 9, paragrafo 2, lettera a), cit. la revoca del consenso  in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca.

Fatto salvo ogni altro ricorso amministrativo o giurisdizionale, l'interessato che ritenga che il trattamento che lo riguarda violi il GDPR ha il diritto di proporre reclamo a un’autorità di controllo, segnatamente nello Stato membro in cui risiede abitualmente, lavora oppure del luogo ove si è verificata la presunta violazione ai sensi dell’art. 77 cit. (l’autorità di controllo italiana è il Garante per la protezione dei dati personali).

Per esercitare i diritti di cui sopra l’interessato potrà rivolgersi al Titolare del trattamento dei dati personali  ai recapiti sopra indicati.

Aggiornamenti

La privacy policy di questo sito web è soggetta ad aggiornamenti; gli utenti sono pertanto invitati a verificarne periodicamente il contenuto

 

Please publish modules in offcanvas position.